LogoColorNoTextHo scelto questo logo perchè ben simboleggia la duplice anima di questo mio blog: l’allattamento al seno, la maternità (la goccia di latte) e la pedagogia, intesa come attenzione alla vita che nasce, cresce e si sviluppa (il germoglio, la piantina che cresce).

Il nome stesso “Latte Materno” volutamente sottolinea la relazione che si instaura tra madre e figlio attraverso l’apparente semplice gesto del dare il latte. La goccia contiene in sè il germoglio, ma non per questo lo rinchiude o lo trattiene dentro di sè. Il latte da solo non basterebbe al bambino. Non è il latte di per sè a favorire il suo sviluppo più completo. Ma è anche tutto quello che ad esso concerne. E’ il gesto stesso dell’allattare, il modo di nutrire, gli atti e le attenzioni che esso richiede; il tempo, la dedizione, la continuità, la prossimità, la costanza, la disponibilità.

Sono questi i termini che trasformano il semplice latte, in “Latte Materno” e che fanno sì che la goccia di latte non soffochi la pianta, bensì la innaffi, lentamente, costantemente, dolcemente, nella giusta quantità, affinchè quel germoglio ben presto possa uscire da quella goccia e manifestare al massimo le sue proprie potenzialità

Glu ultimi articoli

Asilo nido e ambientamento

In questi giorni molte famiglie sono alle prese con l’inizio dell’asilo nido e con il periodo di inserimento… anzi no! dell’ambientamento! Ma cosa significano esattamente questi termini? E quali sono i punti principali da valutare per facilitare la permanenza del piccolo all’asilo? Te li racconto in questo post. […]

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter
settembre 1st, 2017|PEDAGOGIA|0 Commenti

La fatica di essere genitori: 4 suggerimenti per essere una guida sicura

Dare un limite significa spesso causare una reazione di frustrazione nel bambino, e quindi un moto d’ira o di tristezza. Essere una guida significa quindi anche saper affrontare questi momenti così faticosi.  Ma perché è tanto difficile? Vi spiego perché e vi regalo 4 suggerimenti per riuscirci […]

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Il ruolo dell’adulto nello sviluppo del bambino

Quanto istinto c’è nello sviluppo di un bambino? E quanto è importante il ruolo dell’adulto? Deve essere un ruolo attivo o passivo? Meglio lasciare che facciano da soli o intervenire? Probabilmente entrambi, ma la discriminante del tempo è fondamentale.  Vi spiego perché, lo sviluppo del bambino, da una certa età in poi, non vive più solo di istinti, ma necessita di una guida, e di una mediazione con la ragione.  […]

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter